Questo ufficio appartiene al SISTAN


She Figures 2015


She Figures Ŕ un rapporto triennale della Commissione Europea, alla sua quinta edizione, che dal 2003 presenta indicatori sulla partecipazione femminile nel mondo della Scienza e della Ricerca. L'intento Ŕ quello di sviluppare statistiche disaggregate per genere armonizzate tra i paesi europei, facilitando i confronti internazionali, e di costruire basi di dati disponibili a livello di UE. Le informazioni raccolte offrono strumenti per valutare i passi compiuti verso la paritÓ tra i generi in ambito scientifico e per misurare gli squilibri ancora seriamente presenti.
La promozione della paritÓ fra i sessi costituisce una delle principali prioritÓ della Commissione per la realizzazione dello Spazio europeo della ricerca (SER) e le statistiche disaggregate per genere sono considerate uno degli strumenti per l'integrazione di genere.
I dati di questa ultima pubblicazione si riferiscono principalmente agli anni 2012 e 2013 e mostrano come, sebbene il settore della Ricerca e Innovazione non sia pi¨ una prerogativa esclusivamente maschile data la percentuale in aumento delle ricercatrici in Europa, esista ancora una rilevante sottorappresentanza femminile nelle discipline e nelle carriere scientifiche. Permane una preoccupante segregazione sia orizzontale che verticale, causa di un progressivo abbandono dei percorsi di carriera da parte delle donne, denominato "leaky pipeline" (conduttura che perde).
Nel 2013 nella media EU-28 la percentuale di studentesse universitarie (55%) e laureate (59%) risulta superiore a quella degli uomini, ma questi ultimi sono in numero superiore tra gli studenti di dottorato e i dottori di ricerca (laddove le donne sono, rispettivamente, il 46% e il 47%). Inoltre, nella scala della carriera universitaria, le donne rappresentano il 45% dei ricercatori universitari, il 37% dei professori associati e solo il 21% dei professori ordinari. Quindi risultano ancora scarsamente rappresentate nelle posizioni apicali delle carriere scientifiche e ci˛ Ŕ ancora pi¨ evidente in settori quali la scienza e l'ingegneria laddove la percentuale di professori ordinari di sesso femminile scende all'13%.

She figures Ŕ prodotto dalla Commissione europea (DG per la ricerca e l'innovazione e Eurostat) in collaborazione con i corrispondenti statistici del gruppo di Helsinki "Donne e scienza".
I dati relativi alla realtÓ italiana sono forniti dall'Ufficio di Statistica del Ministero dell'Istruzione, UniversitÓ e Ricerca (UniversitÓ e Ricerca).




scarica il rapporto in PDF